mercoledì 23 novembre 2016

Recensione "Io prima di te" - Jojo Moyes

Oggi vi parlo di "Io prima di te", il libro (e relativo film) piu chiacchierato dell'anno. La mia vuole essere una recensione sincera, non voglio esprimere un parere che non sia vero. Spero di non essere linciata per le mie idee.




Louisa, ventiseienne, perde il lavoro da cameriera e si vede costretta a trovarne un nuovo. Viene assunta presso la famiglia Trainor, dove deve prendersi cura di Will, un tetraplegico di 35 anni. Dapprima i due vivono un rapporto difficile per colpa del brutto caratteraccio del ragazzo. Presto Lou scopre di essere stata assunta per evitare il suicidio di Will. Con il tempo tra i due le cose cambiano e Lou cerca in tutti i modi di far cambiare idea al giovane, organizzando giornate di svago e gite.















Fin qui mi piaceva anche l'idea. Infatti, mi sono messa a leggere il libro piena delle migliori aspettative. Ma, ahimè, sono rimasta alquanto delusa. Con tutto quello che avevo sentito su questo romanzo, credevo di trovarmi di fronte ad una storia emozionante, ricca di sentimenti e d'amore, quando in realtà non ho provato niente di tutto ciò. Ero stata avvertita di procurarmi tanti fazzoletti, ma sinceramente non ne ho avuto bisogno. Ebbene sì. Io sono una persona molto romantica e smielata. Piango per tutto, piango ai matrimoni, piango quando vedo due persone che litigano, mi commuovo continuamente. Ho pianto per tantissimi libri... e allora perché "Io prima di te" non mi ha fatto versare nemmeno una lacrima? Dov'è l'amore in questo libro? Da nessuna parte! E allora perché viene "spacciato" per romanzo d'amore? Non ho visto alcun innamoramento, nessuna parola dolce, nessun battito di cuore se non nelle ultime pagine del romanzo. Di solito si assiste alla nascita di un amore, al suo sviluppo, alle farfalle nello stomaco. Questo amore invece è nato dal nulla, da un momento all'altro, quasi fosse forzato, quasi fatto a posta per uno scopo, salvare una persona. Ma come dice l'ex di Will nel libro, si puoi salvare solo una persona che vuole essere salvata!  Ma l'amore non vinceva su tutto? Non era la cosa più bella e intensa del mondo? E perché il colpo di scena finale viene liquidato così in fretta? L'ho trovato davvero assurdo. È stato un momento effimero, veloce, piatto.  Tutto lo svolgimento del libro non ha mai lasciato trasparire nessun cambiamento da parte di Will. Come potevamo allora aspettarci il meglio?! Louisa si è solamente illusa nella sua ingenuità. L'ho trovata quasi ridicola, una bambina di quindici anni in un corpo da donna di ventisei.
Questa storia non mi ha lasciato veramente niente. Ho provato tanta indifferenza per un libro che mi aspettavo essere la migliore lettura del 2016.
L'inizio mi ha veramente annoiata. Volevo abbandonarlo, ma mi sono imposta di finirlo. Leggerò sicuramente il seguito ma, questa volta, senza aspettative!
Sarei felice di sapere che qualcun altro la pensa come me! Seguite il mio profilo instagram Angiola_96

Vi lascio qui la pagina del Journal che ho dedicato a questa lettura! Baci!



Nessun commento:

Posta un commento