domenica 24 aprile 2016

Apparecchio Fisso: la mia esperienza con l'ortodonzia

Oggi ho deciso di condividere con voi un percorso molto importante che ho intrapreso qualche anno fa e che ha cambiato un po' la mia vita.

Sto parlando dell'apparecchio ai denti, fisso, il classico apparecchio con le stelline argentate.

Premetto che il rapporto con i miei denti è stato, fin da piccola, molto traumatico e problematico. Ho sempre odiato i miei denti storti, infatti erano poche le foto in cui ridevo. Ancora oggi, mi reco dal dentista molto spesso.

Il mio percorso di ortodonzia è iniziato nel 2013, all'età di 16 anni. Partivo da una situazione di denti storti abbastanza "brutta". Come potete vedere dalla foto, i miei canini superiori sporgevano fuori e i denti dell'arcata inferiore erano accavallati tra loro. Il 15 Maggio 2013, mi è stato montato l'apparecchio per l'arcata superiore. Ancora oggi ricordo che è stata un'operazione lunghissima e dolorosa. Per permettere l'applicazione di tutti i brackets (le stelline), sono rimasta con la bocca spalancata per oltre un'ora. All'nizio ovviamente mi è stato messo un filo molto debole insieme agli elastici trasparenti (che servono per tenere il filo attaccato al bracket). La sensazione per i primi giorni in bocca era quella di un corpo estraneo, mentre il dolore l'ho portato dietro per una settimana circa. Non era insopportabile, era più che altro una pressione fastidiosa. Mi sono dovuta limitare coi cibi, e preferire, succhi, pastina e pancarrè.



Ogni mese mi sono recata dal dentista, che controllava lo spostamento dei miei denti e di tanto in tanto cambiava il filo, che diventava sempre più spesso e forte e riattaccava i brackets che mi erano caduti. I giorni dopo il cambiamento del filo erano sempre una tortra, poichè la pressione era sempre più forte man mano che il filo diventava più spesso. Per rendere il tutto più divertente, qualche mese dopo l'inizio del trattamento, ho deciso di sostituire gli elastici trasparenti con degli elastici colorati. Io e il mio dentista ci siamo divertiti tantissimo ad abbinare e cambiare colori quasi ogni mese!
Devo ammettere che fin da subito mi sono affezionata tantissimo al mio apparecchio, tanto che gli avevo anche dato un nome, Sam! 
Mi prendevo cura di lui e adoravo quando lo lavavo per bene e lo vedevo splendere e brillare. Odiavo invece quando mi si staccava un bracket per colpa di qualcosa che avevo mangiato o quando mi restava incastrano il cibo. Bisogna stare molto attenti con l'apparecchio ed evitate cibi troppo duri. La cosa più importante è prendersene cura e non vederlo come una cosa brutta e obbligatoria. Quando lo toglierete vedrete che vi mancherà!
Il 19 Dicembre 2013, mi è stato montato il resto dell'apparecchio nell'arcata inferiore. La situazione dei denti, qui, era abbastanza critica, infatti ho sofferto un po' di più rispetto alla prima volta. Il mio dentista si è dovuto ingegnare per alzare un dente con un elastico che mi dava parecchio fastidio e mi tagliava sempre la lingua. Un altro problema che mi dava tanto fastidio, era la fine dei fili, che molte volte restava troppo lunga e mi bucava la guancia internamente. Ancora oggi ne porto i segni! Anche le stelline, all'inizio, mi rigavano la mucosa della bocca. Per fortuna ho minimizzato il problema acquistando in farmacia della cera ortodontica. Ne avrò consumate quattro o cinque confezioni! Quando l'ho scoperta è stata una salvezza! La ammorbidivo tra le mani e la mettevo sulle sporgenze taglienti. Per molti mesi, fino alla fine dell'ortodonzia, ho dovuo portare anche degli elastici che congiungevano le due arcate, per permettere la chiusura ottimale dei denti e della mandibola. 


Giorno 1 Ottobre 2015, mi è stato finalmente tolto l'apparecchio. Paragonata al montaggio, questa esperienza è stata nettamente più dolorosa. I brackets erano fissati molto bene e per toglierli il mio dentista ha dovuto esercitare molta pressione. I quei momenti credevo che mi stesse staccando del tutto i denti, mi venivano le lacrime. Ma il vero problema è stata la colla che rimaneva sui denti, infatti ad oggi i miei denti sono graffiati poichè il dentista ha dovuto raschiarli tutti per eliminarne i residui.
Nonostante la sofferenza e i due anni e mezzo, sono molto soddisfatta dei risultati che ho avuto con l'apparecchio. Ovviamente però non è tutto finito. Infatti di notte porto un Retainer, ossia un apparecchio mobile di mantenimento per l'arcata superiore, mentre sotto ho un filo incollato nella parte interna. Probabilmente dovrò portare il retainer per sempre, pechè altrimenti i denti torneranno storti, e io non voglio assolutamente! Infatti, molte persne che conosco e che hanno portato l'apparecchio fisso, non hanno utilizzato il Retainer e hanno nuovamente i denti storti!

Ad oggi il mio apparecchio fisso mi manca molto. Era parte della mia vita e avevo imparato ad amarlo. Era diventato il mio segno particolare e tutti amavano il fatto che fosse multicolor, persino il dentista!




Di sicuro non è stata una passeggiata: è stata un'esperienza lunga e tormentata, anche un po' dolorosa. Ma i risultati sono stati più che soddisfacenti!

Se avete domande, chiedete pure! Sono qui per qualsiasi chiarimento! Seguitemi Su instagram, mi chiamo angiola_96

Unitevi ai lettori fissi se vi fa piacere!
 
Bacioni!  


(P.S. La foto col rossetto rosso, è stata scattata appena dopo averlo cacciato. La foto col rossetto Fuxia, qualche giorno dopo. In questa foto infatti il mio dentista mi ha ricostruito un dente che nella prima foto si vede scheggiato.)


Nessun commento:

Posta un commento