lunedì 2 febbraio 2015

Recensione "Cosa sognano i pesci rossi" di Marco Venturino



Questo romanzo, come vi ho già detto, volevo leggerlo da un po' di anni ormai. Per natale sono riuscita a farmelo regalare e ho appena finito di leggerlo! è un romanzo di Marco Venturino, Direttore della divisione di anestesia e rianimazione dell'Istituto Europeo di Oncologia di Milano. Ed è proprio in un ospedale che la storia si sviluppa.


Casa editrice: Oscar Mondadori
Pagine: 245
Prezzo: 10
Capitoli: 22


Pierluigi Tunesi e Luca Gaboardi sono i protagonisti di questo libro. Pierluigi ha 45 anni ed è amministratore delegato di un'importante azienda multinazionale di apparecchiature elettroniche. O meglio, lo era. Da quando gli è stato diagnosticato un tumore e ha subito un'operazione mal riuscita, è il numero sette del reparto di terapia intensiva. Anche Luca ha 45 anni, ma è il medico del reparto di terapia intensiva dell’ospedale in cui è ricoverato Pierluigi. I due uomini alternano la loro storia così diversa, ma a tratti uguale. Pierluigi racconta di suo moglie Clara e di sua figlia Alessandra; Luca racconta il suo matrimonio finito e le avventure dell'ambiente ospedaliero. Pierluigi è un pesce rosso, immobile, impotente, muto. Luca è una faccia verde, indistinta, indifferente, che si china sul dolore altrui. Attraverso il racconto dei due personaggi, ci si accorge che la morte è sempre dietro l'angolo e che è inutile sprecare tempo prezioso.

Ho apprezzato tantissimo questo libro. Pochi altri libri sono riusciti a trasmettermi la pietà e l'angoscia che questo romanzo è capace di dare. Per me ha rappresentato un inno alla vita da non ignorare. Lo consiglio a tutti, fidatevi, vi piacerà. Sicuramente in futuro mi procurerò gli altri libri di Venturino, perché davvero meritano di essere letti.



A presto!
Angela♥

Nessun commento:

Posta un commento